id selvaggia
L’IDENTITÀ SELVAGGIA
Ciclo di cinque puntate televisive dirette da Luigi Cinque. Prodotto per RAI Educational - Magazzini Einstein di Maria Paola Orlandini, 2005/2006

Racconti di viaggio, musica, parole di Luigi Cinque

1° puntata Alentejo

2° puntata India e Pakistan

3° puntata Nairobi Concert

4° puntata Yemen

5° puntata Mediterraneo Sacro

Luigi Cinque, negli ultimi anni, ha scritto e diretto numerosi concerti eventi in molti luoghi del mondo. Oggi si può dire che si è trattato di un vero e proprio “lungo viaggio/concerto” tra sud e nord. Un lungo tour – a cavallo del millennio – che ha attraversato, com’è facile immaginare, stadi complementari della storia e della comunicazione; stili musicali, narrativi e poetici differenziati, religioni, storie di artisti incontrati, donne e uomini straordinari registrati: forse le ultime vere differenze prima dell’omologazione globale. I concerti/eventi sono sempre stati occasioni d’incontro con artisti del luogo. La scrittura non ha mai trascurato l’ipotesi di una narrazione comune, in scena, fatta di stili, lingue, forme e intonazioni differenti. Si trattava di creare un nuovo linguaggio oltre la contaminazione apparente. Tutto ciò ha presupposto, grazie anche al contributo e alla volontà di grosse istituzioni internazionali, un’attività complessa: identificazione di artisti locali, un tempo di prove laboratorio e il concerto vero e proprio. Durante questi periodi – aiutati ovviamente dalla musica come linguaggio comune – si creava l’incontro artistico nel suo significato più concreto. E questo non poteva esistere senza l’abbandono temporaneo di una forma data, senza l’intenzione di porsi come “viaggiatori della forma” invece che “semplici” portatori di spettacolo preconfezionato. Infine arrivava il concerto. Qualcosa d’interessante è avvenuto anche per i testi, ovvero le storie che si cantavano e raccontavano in scena. Anzi, c’è da dire, a questo proposito, che sul piano del confronto narrativo abbiamo registrato un fenomeno da noi denominato: il mito come valore di scambio. Il che, più semplicemente, voleva dire: “noi in questo lungo brano raccontiamo un fatto appartenente alla nostra mitologia classica – per esempio, Ulisse – e, una volta spiegate le caratteristiche del personaggio, si chiedeva se loro avessero qualcosa di simile. Ed ecco, allora, affiorare personaggi mitologici analoghi dalla loro tradizione. Ecco poi in scena l’accostamento poetico tra figure analoghe di mitologie differenti. Ecco soprattutto il confronto tra forme di narrazione in musica. Il risultato è stato altamente spettacolare e, oltretutto, in linea con le preferenze di pubblico e di mercato che proprio in questi anni ha decretato il successo internazionale del genere cross over. I paesi attraversati sono: Senegal, Mali, Kenia, Etiopia, Magreb, Marocco, Tunisia, Turchia, Israele e Territori Palestinesi, Yemen, Pakistan, India, Brasile, Portogallo, Grecia, Spagna e territori del Flamenco. Tutti i concerti e i contesti socio-antropologici sono stati filmati e registrati: paesaggi, abitazioni, artisti e relative interviste, prove, incontri con poeti e scrittori del luogo, preparazione del concerto. Gli artisti italiani che hanno partecipato ai viaggi/concerto sono alcuni dei più importanti nomi del jazz e del rock contemporaneo. Gli artisti locali sono di grande interesse artistico e umano.



OFF MED (MRF5 srl)

Società di produzione altamente qualificata e specializzata nella realizzazione e promozione di prodotti audiovisivi (lungometraggi, documentari, cortometraggi, video musicali, serie  televisive) e nella progettazione e realizzazione di Festival e Grandi Eventi. Collabora con importanti realtà internazionali e promuove ricerche interetniche e multiculturali.

Copyright © 2005-2013 MFR5.IT